20 cose da sapere prima del tuo viaggio a Malta

Stai pianificando un viaggio a Malta? Scopri informazioni utili e a volte sorprendenti sull’arcipelago maltese prima di fare i bagagli.

Vista della capitale di Malta
Condividi

#1 Malta ha due lingue ufficiali, il maltese e l’inglese

Malta ha due lingue ufficiali, il maltese (Malti) e l’inglese.

Il maltese (il-Malti) è la lingua nazionale ed è parlato da quasi il 95% della popolazione. L’inglese è la lingua degli affari, del commercio e del turismo ed è parlato da quasi il 90% dei maltesi. È meno familiare ai lavoratori meno qualificati nelle zone rurali, che parlano solo maltese.

Malta formó parte del Imperio Británico durante 164 años, por lo que la lengua inglesa siguió siendo uno de los dos idiomas oficiales del país.

Malta è una delle destinazioni più popolari per gli studenti che desiderano imparare l’inglese. Ogni anno, tra gli 80 e i 90 mila studenti vengono a Malta es uno de los destinos más populares para los estudiantes que desean aprender inglés. Cada año, entre 80 y 90 mil estudiantes vienen para studiare inglese a Malta.

#2 Malta è il più piccolo stato membro dell’Unione Europea

L’area totale delle isole maltesi è di soli 316 km2. Questo rende il piccolo arcipelago del Mediterraneo, situato a due passi dalla Sicilia, il più piccolo stato dell’Unione Europea.

La più grande delle isole, l’isola principale, si chiama anche Malta. È lunga solo 27 km e larga 15 km.

#3 Sull’isola si guida a sinistra

Un’altra particolarità ereditata dall’occupazione britannica è che le auto guidano sul lato sinistro della strada su tutte le isole dell’arcipelago. Il volante si trova quindi sul lato destro dell’auto.

Malta è anche il secondo paese in Europa per numero di veicoli a motore per abitante, dopo il Lussemburgo. L’isola è sovraccarica con più di 400.000 veicoli sull’isola per poco più di 500.000 abitanti.

Il traffico a Malta è molto intenso e gli autisti guidano ad alta velocità, quindi fai attenzione quando guidi, ma anche come pedone quando attraversi la strada.

#4 La capitale di Malta è un patrimonio mondiale

La capitale di Malta, La Valletta, ha avuto l’onore di essere sulla lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO dal 1980.

Valletta è una città fortificata che prende il nome dal cavaliere Jean de la Valette, Gran Maestro dell’Ordine di Malta dal 1557 al 1568 ed eroe del Grande Assedio di Malta.

Jean de la Valette fu dietro l’iniziativa di costruire l’attuale capitale di Malta sul Monte Xiberras (l’attuale La Valletta) e supervisionò la costruzione di fortificazioni monumentali per proteggere il porto da ulteriori invasioni ottomane.

Visitare La Valletta è un must di ogni viaggio a Malta. La Valletta è un museo a cielo aperto, dove ogni strada è intrisa di storia. La Valletta ha più di 320 monumenti, compresi edifici eccezionali come la Concattedrale di San Giovanni, gli ostelli dell’Ordine di Malta, il Forte di Sant’Elmo, il Teatro Manoel, ecc. Una delle tappe obbligatorie di un viaggio a Malta.

Vista notturna di La Valletta
Interno della Cattedrale di San Giovanni a La Valletta
Vista di La Valletta dal porto di Marsamxett

Malta ha anche altri due siti storici iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale: l’Ipogeo Hal Saflieni e i Sette Templi Megalitici di Malta.

#5 Malta è il paese meno popolato dell’Unione Europea

Con quasi 514.000 abitanti nel 2020, Malta è il paese meno popolato dell’Unione Europea. È seguito dal Lussemburgo con 626.000 abitanti e da Cipro con 888.000 abitanti.

Questo dovrebbe essere trattato con cautela, poiché Malta è una destinazione turistica e molto popolare tra gli espatriati. I turisti che viaggiano a Malta per lunghi soggiorni, gli studenti iscritti alla scuola di lingua inglese e gli espatriati non vengono sempre contati e, di fatto, aumentano notevolmente il numero di persone effettivamente presenti sull’isola.

Malta è un arcipelago e la maggior parte dei viaggiatori arriva in aereo. Contrariamente alla credenza popolare, l’aeroporto di Malta non si trova a La Valletta. È impossibile far atterrare un aereo nel mezzo delle mura fortificate della città.

L’aeroporto di Malta si trova nella città di Luqa, nel centro dell’isola e a 8 km dalla capitale. Quindi, quando si pianifica un viaggio a Malta, non c’è bisogno di cercare voli per La Valletta.

Arrivo dei viaggiatori all'aeroporto di Malta

#9 Malta ha circa 60 giorni di pioggia all’anno

Il clima mediterraneo è una delle ragioni del successo di Malta. Il tempo a Malta è mite in inverno e ha temperature elevate in estate. Ci sono meno di 60 giorni di pioggia all’anno a Malta, in confronto, a Roma e Milano piove circa 80 giorni all’anno.

Le estati di Malta sono molto calde e segnate dall’arrivo dello scirocco. Il vento sahariano molto secco fa aumentare rapidamente le temperature sull’isola da giugno in poi. La pioggia è generalmente assente per tutta l’estate nell’arcipelago. Gli inverni sono relativamente miti, anche se ci sono alcuni periodi di pioggia. È anche possibile nuotare tutto l’anno nell’arcipelago, il che soddisferà i visitatori di un viaggio a Malta.

#10 Malta fu occupata dai francesi

Il piccolo arcipelago del Mediterraneo è stato per molto tempo un punto strategico, l’arcipelago rappresentava la chiusa marittima del Mediterraneo. Un arcipelago che doveva essere conquistato prima di qualsiasi espansione.

Napoleone Bonaparte conquistò Malta in un’incursione fulminea mentre si recava alla sua campagna d’Egitto. L’isola rimase occupata dalle truppe francesi dal 1798 al 1800 prima di cadere nelle mani dell’impero britannico. L’arrivo delle truppe di Napoleone segnò l’esilio e la fine dei Cavalieri dell’Ordine di Malta.

L’impronta britannica è la più visibile nell’arcipelago, ma la cultura francese ha segnato a lungo il ritmo della vita sull’isola ed è ancora molto presente. I due maestri più emblematici che hanno lasciato il segno sull’Ordine di Malta e sul paese, Philippe de Villiers de L’Isle-Adam e Jean de Valette, erano francesi.

#11 Il cattolicesimo è la religione di stato sull’isola

Malta è uno dei paesi più cattolici del mondo. È un’eredità dell’impronta dei Cavalieri dell’Ordine. La costituzione di Malta permette la libertà di culto, ma il cattolicesimo è stato sancito come religione di stato.

Si stima che il 98% della popolazione maltese sia cattolica e l’85% dei maltesi sono cattolici praticanti. È l’eredità di un passato segnato dall’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, che divenne l’Ordine di Malta. Le chiese sono state erette in tutto l’arcipelago.

Ci sono più di 365 chiese e cappelle a Malta

C’è un detto popolare che dice che ci sono più chiese a Malta di quanti siano i giorni dell’anno. Proprio così, Malta ha più di 365 chiese e cappelle, oltre a quattro cattedrali (la Co-Cattedrale di San Giovanni, la Pro-Cattedrale di San Paolo, la Cattedrale di San Pietro e Paolo a Mdina e la Cattedrale di Nostra Signora dell’Assunzione a Gozo).

Questa concentrazione unica di edifici religiosi fu in gran parte eretta durante gli anni del dominio dell’Ordine di Malta.

#12 St Paul’s Bay è la città più popolosa dell’isola

St Paul’s Bay, con oltre 23.000 abitanti, è la città più popolosa di Malta. Ora è davanti alle città di Malta come Birkirkara, Mosta, Sliema e Saint Julian’s.

La Valletta, con meno di 6.000 abitanti, è molto indietro e la capitale è sempre più deserta.

Passeggiata di Saint Paul's Bay
L'acquario di Malta in Saint Paul's Bay
Café Del Mar Saint Paul's Bay

#13 Malta è il paese più densamente popolato d’Europa

L’isola di Malta ha una popolazione di circa 500.000 abitanti per un’area di soli 316 km2, rendendola uno dei paesi più densamente popolati del mondo.

Con una densità di popolazione di 1.713 abitanti per km2, Malta è uno dei 10 paesi più densamente popolati del mondo.

#14 L’arcipelago di Malta è composto da otto isole

L’arcipelago maltese consiste ufficialmente di otto isole.

Quattro delle isole di Malta sono abitate

Le quattro isole abitate di Malta sono: Malta (come isola principale), Gozo, Comino e l’isola di Manoel. L’isola di Manoel può essere considerata una penisola, poiché è collegata alla città di Gżira da un ponte.

Quattro delle isole di Malta sono disabitate

Le quattro isole disabitate di Malta sono: Cominotto (Kemmunett), Filfla e le due isole di San Paolo. Le due isole di Saint Paul sono separate da una bella insenatura di pochi metri.

#15 A Malta viene utilizzato il sistema metrico standardizzato

L’influenza dell’ex impero britannico è ancora evidente sull’isola, ma Malta ha adottato il sistema metrico standardizzato nel 1972.

Le distanze sono quindi espresse in metri (non iarde) e chilometri (non miglia). La velocità è anche espressa in chilometri all’ora. Il peso è espresso in grammi o chilogrammi e i liquidi in litri.

#16 Malta è una destinazione top per i viaggiatori che amano la preistoria

L’arcipelago maltese è un riferimento europeo per i suoi siti preistorici. Un aspetto che a volte viene trascurato dai turisti che viaggiano a Malta.

La isla cuenta con varios sitios megalíticos destacados. Hay diecisiete yacimientos registrados que comprenden treinta y tres templos megalíticos construidos durante el Neolítico, entre el 5.200 y el 2.500 a.C.

I templi di Ħaġar Qim, Ġgantija e Tarxien sono tra i siti archeologici più visitati.

#17 Ogni anno, 2,5 milioni di turisti viaggiano a Malta

Malta è diventata una destinazione turistica popolare in Europa. In 10 anni, il turismo è raddoppiato sull’isola. Ogni anno, quasi 2,5 milioni di visitatori vengono a Malta, attratti dalla sua costa, dai paesaggi, dalle poche spiagge sabbiose e dalla storia.

L’attività turistica sull’isola è oggi sia una delle principali risorse economiche che la principale sfida strutturale per le autorità locali.

L’arrivo del turismo di massa ha cambiato radicalmente la vita sull’isola e ora solleva molti dibattiti sulla gestione delle risorse, così come la conservazione ecologica e ambientale dell’isola.

#18 Malta è il paese più obeso d’Europa

Sfortunatamente, Malta ha il più alto tasso di obesità in Europa.

L’obesità a Malta colpisce il 26% della popolazione di età superiore ai 18 anni ed è diventata un serio problema di salute pubblica. Si stima che l’obesità a Malta costi allo stato tra 36 e 56 milioni di euro ogni anno, secondo PwC.

#19 L’aborto è proibito a Malta

Malta è il paese più conservatore dell’Unione Europea sull’aborto. L’aborto a Malta è severamente proibito anche in caso di stupro, di deterioramento del feto o anche se la vita della madre è minacciata.

La legge di Malta sull’aborto o sull’interruzione volontaria della gravidanza (VTP) è la più severa in Europa. L’aborto a Malta è illegale, un crimine punibile con tre anni di reclusione. I maltesi sono ancora molto legati ai valori cristiani conservatori e fanno dell’aborto un argomento tabù.

#20 Il motto di Malta è “Virtute et Constantia”

Il motto nazionale di Malta è “Virtute et Constantia”, che si traduce come “Virtù e Costanza”. La bandiera maltese porta l’iscrizione “For Gallantry” che significa “All’eroismo”.

Domande frequenti dei visitatori che pianificano un viaggio a Malta

Che lingua si parla a Malta?

L’inglese e il maltese sono le due lingue parlate a Malta. L’inglese è la lingua più usata nella vita quotidiana dell’isola (negozi, hotel, ristoranti, ecc.).

Quanti visitatori fanno un viaggio a Malta ogni anno?

Ogni anno, l’arcipelago maltese accoglie circa 2,5 milioni di turisti in viaggio verso Malta. Tuttavia, il 2020 sarà stato un anno basso a causa dell’impatto della pandemia globale del Coronavirus (Covid-19).

Qual’è il motto di Malta?

Malta ha conservato il suo motto “Virtute et Constantia” del suo passato cavalleresco. Un motto che può essere tradotto come “Virtù e costanza”.

Ci sono cose da fare e da non fare durante un viaggio a Malta?

Alcune precauzioni dovrebbero essere prese prima di viaggiare a Malta. L’arcipelago ha i suoi usi e costumi, e i maltesi sono anche molto legati alle tradizioni cristiane, quindi certi comportamenti dovrebbero essere evitati. Vedi l’articolo 10 consigli prima di viaggiare a Malta, per un viaggio di successo a Malta.

Perché l’aborto è vietato a Malta?

Il 98% della popolazione maltese è cristiana e quasi l’85% dei maltesi sono cristiani praticanti. Come patrimonio religioso e culturale, l’aborto è ancora proibito a Malta. L’interruzione volontaria della gravidanza è illegale e punibile con 3 anni di reclusione.

Che moneta si usa a Malta?

Malta è uno dei 19 paesi della zona euro. L’euro è quindi la valuta utilizzata in tutto l’arcipelago.

Come prenotare un viaggio a Malta?

Da solo, attraverso un tour operator o un’agenzia di viaggi, ci sono molte opzioni per pianificare un viaggio a Malta. Andare a Malta può riservare delle sorprese, poiché la qualità non è sempre presente, soprattutto quando si tratta di hotel. Per fare in modo che le sue vacanze a Malta siano un successo, è meglio pianificare il suo viaggio da solo, prenotando i suoi voli e controllando le recensioni degli hotel. È anche possibile utilizzare agenzie locali per assicurarsi di avere un seguito e un intermediario sull’isola.