Che lingua si parla a Malta?

Se c’è una domanda che tutti i viaggiatori a Malta si pongono, è quella della lingua ufficiale parlata nell’arcipelago. Una breve panoramica delle diverse lingue parlate a Malta. Inglese, maltese, italiano, francese…? Quali sono le lingue parlate più popolari?

Cabina telefonica inglese sull'isola di Malta
05/01/2021
Condividi

Inglese e maltese, le due lingue ufficiali a Malta

Inglese a Malta

Malta è un’ex colonia inglese, l’arcipelago ha fatto parte dell’Impero britannico dal 1800 al 1964. La lingua inglese è rimasta quindi una delle due lingue ufficiali dell’isola insieme al maltese.

L’inglese è in teoria la seconda lingua ufficiale di Malta dopo il maltese. Infatti, è la prima lingua parlata sull’isola. Questo è uno dei motivi del successo dei corsi di lingua a Malta per studiare l’inglese.

L’inglese è la lingua degli affari e del turismo a Malta. Con quasi 2,5 milioni di turisti all’anno per soli 400 mila abitanti, l’uso dell’inglese è diventato la lingua quotidiana a scapito del maltese. Il primo giornale di Malta, Times of Malta, è a sua volta pubblicato in inglese.

Malta è anche uno dei 53 Stati membri del Commonwealth. Tuttavia, contrariamente a quanto si crede, non è più uno dei 16 regni del Commonwealth, come il Canada, l’Australia o la Nuova Zelanda, che riconoscono ancora Elisabetta II come capo di Stato.

Il maltese, la lingua di Malta

La lingua nazionale e ufficiale della Repubblica di Malta è il maltese. Il maltese è parlato da quasi il 95% della popolazione, cioè circa 400 mila persone. In quanto paese europeo, il maltese è quindi una delle 24 lingue ufficiali dell’Unione Europea. Malta è stata una terra che è stata colonizzata molte, molte volte, e Malta è stata costruita su queste diverse influenze culturali.

La radice della lingua deriva dall’arabo siciliano, a cui si sono aggiunte influenze dal latino, dall’italiano, dal francese, dall’inglese e dall’arabo tunisino. Il maltese è quindi una ricca lingua camito-semita (o afro-asiatica) con un alfabeto latino.

Bandiera ufficiale di Malta
Bandiera del Regno Unito

Perché a Malta si parla inglese?

La lingua inglese, segno dell’impronta lasciata dall’Impero Britannico

Nel 1798, Napoleone Bonaparte, nel bel mezzo della campagna d’Egitto, decise di prendere possesso dell’isola di Malta. Malta ha sempre avuto un aspetto strategico durante le grandi invasioni intorno al Mediterraneo. L’Ordine di Malta, ancora molto potente sull’isola, decise di cedere le armi davanti all’imponente flotta di Napoleone senza combattere, lasciando così l’isola nelle mani dei francesi.

Dopo due anni di estorsioni, saccheggi e leggi coercitive, le truppe di Napoleone divennero così impopolari che il popolo di Malta chiese aiuto all’eterno rivale e miglior nemico della Francia: l’Impero britannico.

Gli inglesi hanno liberato Malta dal giogo dei francesi, dopo un embargo di due anni, ma hanno deciso a loro volta di mantenere l’arcipelago. Nel 1816 gli inglesi annessero ufficialmente l’isola come colonia dell’Impero Britannico.

Solo il 21 settembre 1964 l’isola fu decolonizzata e ottenne l’indipendenza. Il 13 dicembre 1974, l’arcipelago è diventato ufficialmente la Repubblica di Malta. Malta, è ancora membro del Commonwealth, ma ora ha a capo un presidente democraticamente eletto, pur avendo mantenuto la lingua inglese come patrimonio.

Le parole più comuni a Malta

Un po’ di vocabolario inglese e maltese

ItalianoIngleseMaltese
CiaoHello/HiBonġu
Sì/NoYes/NoIva [Iva] /Le [Lè]
OggiTodayIllum
DomaniTomorrowGħada
Per favorePleaseJekk joghgbok [Yèk yodjbok]
GrazieThanksGrazzi [Gratsi]
Quanto costa?How much is it?Kemm ?
Come stai?How are you ?Kif inti ? [Kif i’nti]
AddioBye/GoodbyeSaħħa [SaHHa]

Cosa significa Mela?

Mela, o Mela Mela Mela, è probabilmente la parola più emblematica di Malta. I maltesi lo usano sistematicamente sia in maltese che per punteggiare le frasi in inglese.

Mela, non è una parola con un significato preciso. Può anche significare «ok», «bene», «ok», «abbastanza», «funziona», ecc. L’intonazione farà la differenza nell’interpretazione.